lunedì 22 dicembre 2014 - ore: 17:21| 126 utenti online
 
 
martedì 14 agosto 2012,
| Altri

Ma in quale Stato viviamo?

 

Ma in quale Stato viviamo?

La provincia di Napoli, e non solo, è sotto attacco!!! Centinaia sono i furti nelle abitazioni dei cittadini che, vivendo già in condizioni economiche precarie, si vedono quei pochi beni che hanno sottratti da una criminalità spietata, e senza freni, che trova da questa “nuova fonte” una nuova possibilità di finanziarsi e continuare a foraggiare le altre attività.

Una vera e propria imprenditoria che riesce anche a fare “colpi eclatanti” come le razzie, in simultanea, dei cinque appartamenti e del furto di cinquantamila euro di “medicinali speciali” all’’ASL di Portici, questo senza contare gli altri e numerosissimi casi, di cui molti non denunciati.
Il cittadino è stato privato della sua prevista ed obbligatoria sicurezza, le Forze di Polizia sono state massacrate e distrutte, in venti anni, da tagli assurdi ed inimmaginabili che le hanno messe in ginocchio.
E la criminalità, che ben conosce questo dato, ringrazia e ride dei vari Governi per avere ottenuto questo aiuto importante ed inaspettato.
Governi che con le loro politiche assurde, si sono resi complici del sequestro e del massacro del cittadino che vive senza più nessuna tutela e diritti!
Ricordiamoci le mattanze fatte da automobilisti stranieri, e non solo, che se ne infischiano altamente della vita altrui consapevoli dell’impunità di cui godono.

Questi Governi dovrebbero essere giudicati da un Tribunale ordinario per tutte le morti e le violenze che hanno favorito con le loro Leggi assurde.
Il cittadino deve solo pagare sia lo Stato, che lo ha già ucciso dissanguandolo, che una criminalità intenta a mangiare i suoi miseri resti.
A chi evade ed elude i 130 miliardi all’anno non gli sequestrano i beni, non viene messo in galera e non paga, anzi deve continuare a guadagnare senza freni, tanto una patrimoniale vera sa benissimo che non la faranno.
Un peso insopportabile per il cittadino onesto che si aggiunge alla disperazione di potere riuscire a vivere almeno un giorno con dignità.
Il cittadino è diventato il bancomat della criminalità, i suoi beni, quelli rimasti, vengono svenduti per foraggiare l’Antistato che riesce anche a schiaffeggiare e farsi beffe di uno Stato inutile, ma cosciente, che non vuole, da venti anni, legiferare e che favorisce e tutela, sempre più, chi delinque, chi ammazza, chi violenta, chi distrugge l’infanzia, vediamo assassini, violentatori, pedofili e ladri liberi di fare, sempre più, quel che vogliono e lo Stato non provvede, neanche con procedure di urgenza, a rendere l’Italia un paese da temere per chi delinque.
Tutti i criminali possono fare quel che vogliono tanto le Leggi tutelano chi spegne la vita e la violenta e diventano degli eroi che guadagnano una barca di soldi con i soliti introiti televisivi.

C’è, però, chi paga: il ladro di polli!!! Ma quando saranno varate delle Leggi vere che tutelino i diritti costituzionali e le libertà del cittadino???
Ma dove siamo? Questo sarebbe un Paese democratico dove i diritti sono uguali per tutti???
E’ dal 1989 stiamo vedendo sempre e solo gli stessi criminali che delinquono sempre più e in modo sempre più efferato e selvaggio, a cui si sono aggiunti i nuovi che violentano senza alcun rimorso e remora e il cittadino che riesce a difendersi viene anche perseguitato dalla Legge.
Ma in che Stato stiamo vivendo? Chi delinque lo può fare come può liberamente ammazzare, mentre il cittadino onesto viene criminalizzato!!! Addirittura la criminalità estera trova grandi vantaggi in Italia, una Italia che favorisce l’assegnazione delle case, gratuite, non ai giovani che sono il futuro dello Stato, ma a soggetti diversi che se ne fregano dell’Italia e ricevono tutto, facendo quel che vogliono, senza mai pagare!!!
Volendo riflettere, forse il motivo è quello che in Parlamento abbiamo tanti “onorevoli” condannati, quindi, cosa possiamo volere di più?

 

Vedi tutti gli articoli di questo autore - Redazione

 
MARIGLIANO.net

Questo è il blog di MARIGLIANO.net su cui puoi lasciare il tuo commento

Visita il blog di MARIGLIANO.net

Segui i nostri video sul canale YouTube di MARIGLIANO.net

Seguici su YouTube

Segui i nostri post su Twitter per essere sempre aggiornato

Seguici su Twitter

Diventa fan della nostra pagina su Facebook

Diventa fan su Facebook