venerdì 22 agosto 2014 - ore: 11:48| 66 utenti online
 
 
sabato 18 agosto 2012,
| Altri

A Settembre iniziativa della città per salvare il Madre

 

A Settembre iniziativa della città per salvare il Madre

NAPOLI - "Stiamo raccogliendo firme ed adesioni - dichiarano i promotori del comitato Save Madre il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, il Consigliere provinciale Livio Falcone e l' esponente cittadino del Pd Emilio Di Marzio - per realizzare una iniziativa a Settembre per chiedere che il Museo Madre sia affidato al Comune di Napoli. La Regione Campania guidata dal Presidente Caldoro ha trasformato purtroppo questa straordinaria esperienza, piena ovviamente di limiti e difetti, in un luogo morto e soprattutto senza arte. Un museo degradato e abbandonato mentre prima era al centro del dibattito artistico e culturale nazionale e internazionale.

Mai una istituzione era riuscita a distruggere e denigrare in così breve tempo una eccellenza della nostra città. Napoli tra l' altro proprio grazie al Madre e ad altre iniziative ultra moderne e innovative era riuscita ad entrare in diversi circuiti internazionali di arte contemporanea da cui era sempre stata da tempo esclusa. La violenza e la furia distruttrice del nuovo Governo regionale hanno raso al suolo questa straordinaria esperienza e riteniamo difficile che con questi stessi soggetti oramai screditati a livello artistico e culturale internazionale il Madre possa risorgere. Meglio a questo punto che la Regione con un atto di umiltà e ammettendo i propri errori affidi il museo ed il proprio rilancio al Comune di Napoli e potrebbe riuscire a rilanciare il Museo salvandolo dalla chiusura definitiva e dalle vendette politiche".

 

 

Vedi tutti gli articoli di questo autore - Redazione

 
MARIGLIANO.net

Questo è il blog di MARIGLIANO.net su cui puoi lasciare il tuo commento

Visita il blog di MARIGLIANO.net

Segui i nostri video sul canale YouTube di MARIGLIANO.net

Seguici su YouTube

Segui i nostri post su Twitter per essere sempre aggiornato

Seguici su Twitter

Diventa fan della nostra pagina su Facebook

Diventa fan su Facebook