Verdi, a Piano di Sorrento l’Aida diventa musical

Mauro Romano

La prima rappresentazione in assoluto al mondo avvenne al Teatro khediviale dell'Opera del Cairo, in Egitto, il 24 dicembre 1871. E come ci conferma la TATA Communicationpress s.a.s di Tiziana Adolescente & C., dopo duecento anni, non finisce di stupire.

La prima rappresentazione in assoluto al mondo avvenne al Teatro khediviale dell'Opera del Cairo, in Egitto, il 24 dicembre 1871. Da allora ne ha fatta di strada l’Aida di Verdi, che ha cavalcato due secoli conservando intatta la sua  bellezza ma anche esplorando modalità nuove, dal pop-rock al… musical.


E sarà proprio un musical-danza, il prossimo 24 maggio al teatro delle Rose di Piano di Sorrento, il nuovo abito  dell’opera di Verdi. A rendere possibile l’evento i due primi ballerini della fondazione Arena di Verona, Luca Condello  e Elisa Cipriani, con le coreografie della loro performance di Maria Grazia Garofoli, direttrice della fondazione, mentre  la direzione artistica dello spettacolo è di Marherita Parrilla, direttore dell’AND, Accademia nazionale di danza di  Roma.


L’occasione arriva dal gala di Tony Martin, rappresentazione in musical-danza dell’Aida in onore di Verdi il cui  bicentenario della nascita si è celebrato l’anno scorso. E’ la prima volta che la Garofoli già direttrice del Corpo di ballo  del teatro Colòn di Buenos Aires, firma le coreografie per una scuola di danza privata, il CID G.Penzi di Castellammare  di Stabia (Na).

Un connubio, questo, fortemente voluto dalla Parrilla, da tempo impegnata a promuovere la danza in  Italia e nel mondo e quelle realtà territoriali che riescono a dimostrare crescita e qualità artistica ed anche, come nel  caso di Martin, importanti collaborazioni internazionali.
 

SCHEDA TECNICA Gran Gala di Danza 2014

Ia parte – LE CID

“Le antiche tradizioni della Spagna barocca attraverso le danze andaluse, aragonesi, catalane, madrilene …”

Musiche: Jules Massenet

Coreografie: Hazel Moore

Corpo di Ballo: Corsi Superiori di Danza Classica

Diplomande: Giorgia Tortora, Martina D’Orsi

Accompagnatori: Carlo Santarpia, Salvatore Piras

 

IIa parte – IL CIRCO

“Sotto la grande tenda, luci, colori ed atmosfere del più antico spettacolo del mondo ….”

Coreografie: Hazel Moore, Elena Francesca Spiezia

Teatro-danza: Assunta Carrillo, Carlo Santarpia

Pagliacci: predanza

Barboncini: Propedeutica e 1° corso

Cavalli e cavallerizze; II° corso

Acrobati; III Corso

Funambole: IV Corso

Domatori: Giuseppe Imperato e Simone Vieni

 

IIIa parte – MYTH

“Oltre i limiti del tempo e dello spazio, il mito come antico patrimonio culturale di tutti i popoli. Il racconto misterioso e sacro che mescola reale e fantastico e rinvia ad un lontano passato in cui gli uomini hanno immaginato le origini del mondo e della natura attraverso la magia, le leggende, i sogni…”

Coreografie: Alessia Battistoni

La leggenda dell’Etna: principianti

La nascita della Stella Alpina: Francesca Colonna

I colori dell’arcobaleno: Intermedio

Il mito di Alcione; Teresa Esposito

I giorni della merla: Avanzato

Accompagnatore: Salvatore Piras

 

IVa parte – AIDA

“Aida, figlia del re d’Etiopia, è una schiava alla corte di Anneris … ma nessuno conosce la sua vera identità. Ama il capitano Radamés, che la ricambia, ma anche Anneris la ama e trama contro di lei …”

Musiche: Giuseppe Verdi

Coreografie: Maria Grazia Garofoli (già Direttrice del Corpo di ballo dell’arena di Verona e direttrice del Corpo di ballo del teatro Colçn di Buenos Aires)

Artisti Ospiti: Elisa Cipriani e Luca Condello

Direzione artistica: Margherita Parrilla (Direttore Accademia Nazionale di Danza)

Solisti e Corpo di ballo: Tony Martin Ballet

 

Va parte – ONE NIGHT

“Le atmosfere di Broadway in un susseguirsi di emozioni. Il ringraziamento di tutti gli artisti al pubblico, da sempre energia vitale per tutti coloro che sono in palcoscenico…”

Coreografie: Tony Martin

Interpreti: il corso di Musical

Liriche: assunta Carrillo

Progetto Musicale: Paky Cuomo

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Mauro Romano >>




Articoli correlati



Altro da questo autore