Liveri, il sindaco Coppola lascia l'Agenzia Area Nolana

Vincenzo Esposito

"Vi invito ad una pacata riflessione sul presente e futuro dell’Agenzia ed, in generale, del nostro territorio. Il silenzio e l’indifferenza ci rendono ugualmente co-responsabili"

LIVERI – Attraverso una lettera indirizzata ai sindaci dei comuni aderenti all’Agenzia Area Nolana, ha annunciato le proprie dimissioni dal “Comitato di Controllo, Indirizzo e Vigilanza”, il sindaco di Liveri Raffaele Coppola –“nonostante le mie continue e pressanti richieste, in inottemperanza al mandato statutario, il CoCIV non solo non ha svolto adeguatamente le funzioni (Controllo, Indirizzo e Vigilanza) per le quali è stato creato, ma ha “rinunciato” incredibilmente financo ad essere convocato e, quindi, a riunirsi. Con mia personale contrarietà, questa volontà politica (implicita o esplicita) ha, de facto, delegato pericolosamente le prerogative di indirizzo, controllo e vigilanza nella migliore delle ipotesi all’apparato gestionale (ovvero a chi dovrebbe essere “indirizzato, controllato e vigilato”), abdicando quindi a logiche ben lontane dai migliori modelli di buon governo ampiamente presenti anche sul nostro territorio”

Sullo “stato di salute” dell’Agenzia, continua la lettera –“Liberi da ogni vincolo di appartenenza, le conseguenze sono evidenti a ciascuno di voi: l’Agenzia versa in uno stato economico e gestionale prossimo al fallimento, la maggior parte delle Amministrazioni Comunali seppur socie non si riconoscono e non sono parte attiva nell’attuale “modello” politico-gestionale (estraniandosi conseguentemente ed ingiustamente da ogni forma di interazione), non c’è traccia concreta dello sviluppo del territorio (vera missione per cui è stata creata l’Agenzia) nelle attività preminenti dell’ente e/o si tenta di garantire la sua sopravvivenza mediante l’espletamento di funzioni e servizi che poco hanno a che fare con lo sviluppo del territorio. In termini più concreti, abbiamo tutti il timore che l’Agenzia possa essere percepita dai nostri cittadini (e forse anche da noi stessi) non come un utile strumento di crescita dell’intera area nolana ma come l’ennesimo “carrozzone politico-clientelare” tenuto in vita (con “accanimento terapeutico”) solo per garantire qualche “poltrona”, sottraendo ai nostri cittadini le già poche risorse destinate al sociale in questo momento di devastante crisi economica (con l’attuazione del PSZ), caratterizzandosi con la gestione di servizi (come la riscossione dei tributi) distanti dalla missione di sviluppo del territorio (motivo per cui l’Agenzia è tenuta “ancora in vita”) contribuendo, in particolar modo in questo momento di antipolitica, ad allontanare con sospetto i cittadini dalle istituzioni”.

“Spero che le mie dimissioni – chiude Coppola - in un Paese in cui non si dimette nessuno, possano essere uno sprono per quelli tra voi che condividono il principio politico che “ogni euro speso da un ente pubblico deve essere un euro guadagnato dai cittadini”. Vi invito, pertanto, ad una pacata riflessione sul presente e futuro dell’Agenzia ed, in generale, del nostro territorio. Il silenzio e l’indifferenza ci rendono ugualmente co-responsabili. Assumiamoci la responsabilità conferitaci dai nostri cittadini di “cambiare le cose”, lavoriamo insieme per un nuovo e straordinario rilancio dell’area nolana”. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore