Marigliano, Mariglianella: SOS continua emergenza Agrimonda

Anita Capasso

MARIGLIANO, MARIGLIANELLA -  Erano "ALLARMANTI" i dati Arpac  del maggio 2019..riguardanti il  sito di fitofarmaci e chimici per l' agricoltura Agrimonda.  La falda acquifera ed il top soil risultarono contaminati/inquinati.....ecc...!

Metolacor, pentimedalin superamento delle CSC per  floruri, alluminio, nitriti, tricloropropano con una presenza significativa di metalaxil, metolactor, procimidone, trifuralin, simazina, terbutilazina, linurol, dicloran, fitofarmaci non normati dalla 152/2006,  superamento delle CSC per  i cloruri, floruri, mercurio, alluminio, benzene.

Queste sono alcune delle sostanze rilevate nella falda acquifera e suolo...! Sono ancora in vigore oggi,  le ordinanze di divieto  di emungimento ed utilizzo  delle acque di falda (interdizione dell’uso dei pozzi)  limitrofi  al sito nei comuni  di Mariglianella  e Marigliano?

" Gli Enti non sono per nulla attenti alla salute e al rispetto dell’ambiente - afferma Ciro Tufano -  (e con dati non resi pubblici....tempestivamente..) portano alla contaminazione generale di persone e  dei territori...!

Dopo 26 anni e dopo gli annunci trionfali dei polituncoli che avevano  risolto tutto e dopo aver letto le relazioni del prof Antonio Marfella vi chiedo: cosa altro bisogna aspettare per mettere in sicurezza il territorio?

"A Marigliano si muore il 290 per cento in più rispetto agli altri luoghi. Nemmeno ad Acerra dove c’è l’inceneritore e una grave emergenza ambientale si tocca questa percentuale. Il tasso di mortalità qui, infatti, è del 170 per cento. A denunciarlo è il noto e combattente medico per l’Ambiente, Antonio Marfella,  in un convegno tenuto a Marigliano, nel santuario della Madonna della Speranza. Siamo nel territorio dove uno dei problemi maggiori è la bomba ecologica “Agrimonda”.

Già,  il sito di ceneri combuste di fitofarmaci e chimici per l’agricoltura, che ironia della sorte per una manciata di metri si trova nel comune di Mariglianella. Insomma giochiamo sulla linea di confine mentre la gente muore più che altrove? A via Pasubio, a Marigliano, siamo nell’epicentro del dramma.  Sappiamo con certezza  cosa è bruciato: fertilizzanti e pesticidi tra cu anche DDT.  I dati certi di mortalità nessuno li vuole discutere ora che ci sono? “Nessuno mi chiama più, non vogliono sentire la verità”, denuncia il professore Marfella. 

“Possibile che io li debba discutere in un convento? E’ con le istituzioni che bisogna confrontarsi, sono loro che devono dare delle risposte”.  Ci va giù duro il medico Marfella, massimo esperto in questo settore. “Sappiamo con certezza ciò che è bruciato ...pesticidi e fertilizzanti. Là si muore e si muore pesante. Se lascio per più di  venti anni i rifiuti a percolare che cosa succede? Vi invito a fare una passeggiata sul sito. Le arance lì  scoppiano. Le rose lì  sono limoni. Se la falda la usi per innaffiare e lavarti  stai mettendo in pericolo la tua persona”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore