Mariglianella, attentato incendiario al distributore

Redazione

MARIGLIANELLA - Racket scatenato nell' hinterland. Non si arresta, nonostante i controlli e i numerosi arresti effettuati  negli ultimi giorni dalla forze dell’ordine,  l' ondata di criminalità che sta investendo il territorio tra Brusciano e Marigliano,  dove è in atto una  vera e propria guerra per la gestione degli affari illeciti.

 Nel mirino  questa volta è finito  il distributore An.gi gas di via Selva, a Mariglianella.  Un uomo col volto travisato ha incendiato,  dopo aver versato una latta di petrolio, una colonnina di benzina.  Si è rischiato la tragedia. Poteva saltare tutto in aria.  La fiamma di ritorno, poi,  ha raggiunto il volto  dello stesso piromane, che è scappato via di corsa.  Si pensa ad un avvertimento maldestro del racket delle estorsioni.

Sul posto, non appena è scattato l'allarme, sono giunti i carabinieri di Castello di Cisterna. Immediate sono partite le indagini,  volte a risalire all'autore e ai mandanti dell'attentato incendiario

Non si respira una buona aria tra Brusciano e Mariglianella,  dove qualche settimana fa un attentato incendiario è stato compiuto anche ai danni di un negozio cinese. Stessa sorte anche per un  autosalone  di via Padula. Queste sono le terre dove è in atto una spietata guerra tra i clan. L’ultima sparatoria si è avuta proprio ieri sera tra Brusciano e Pomigliano d’Arco.

 La scia di violenza quotidiana ha riportato al clima di piombo degli anni ' 80 quando imperava la guerra tra i cutoliani e i seguaci del boss Carmine Alfieri. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net





Articoli correlati



Altro da questo autore



In Evidenza