Bruciano scarti tessili sul parco nazionale del Vesuvio: nei guai due uomini

Redazione

TERZIGNO -  Sono andati sul parco nazionale del Vesuvio e hanno  gettato un ammasso di scarti della lavorazione tessile e del materiale plastico (rifiuti speciali pericolosi). Poi con un accendino hanno dato fuoco al cumulo.

 

I carabinieri di Terzigno, pero, che nei giorni precedenti avevano ricevuto più di una segnalazione in merito a colonne di fumo che si alzavano nei boschi, avevano predisposto dei servizi di osservazione.

Durante  uno di quegli appostamenti  li hanno sorpresi, bloccandoli poco dopo aver innescato il principio d’incendio.

 Si tratta di Vincenzo Ranieri, un grossista di tessuti 62enne di Terzigno, già noto alle forze dell’ordine,  e di suo genero Domenico Pagano, 35enne di Ottaviano, che erano arrivati sul posto in auto dalla S.S. 268.

Ranieri e Pagano dovranno rispondere di combustione illecita di rifiuti speciali pericolosi in concorso e sono ai domiciliari in attesa del giudizio direttissimo. L’area interessata dall’incendio, che si estende per circa 10 mq, è sotto sequestro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



ambiente300x600-2
test 300x250
In Evidenza
test 300x250