Marigliano, pioggia di fondi per San Vito. 200 mila euro dalla Regione

Anita Capasso

MARIGLIANO - Cresce l'interesse intorno al convento dei frati minori di San Vito. La Regione riconosce l' importanza del luogo di culto elevato a santuario della Madonna della Speranza.  Arriva un altro finanziamento di 200 mila euro, per la messa in sicurezza e il restauro del bellissimo complesso conventuale, che ha bisogno di urgenti lavori. 

La tenacia e la  forza operativa del giovane padre guardiano, Giuseppe Sorrentino, che ha aggregato tutta la comunità' dei fedeli arrivando persino al cuore di papa Francesco, premia il convento, merito della storia che accompagna la religiosità di questo suggestivo luogo di culto .

 Si tratta di  un convento risalente al XV secolo. Fu il conte Alberico Carafa a farlo restaurare  e a  concederlo ai Frati Minori Osservanti nel 1499.

In quel tempo le celle dei frati, il refettorio, l’oratorio si aprivano intorno al peristilio del Chiostro (un gioiello dell’architettura quattrocentesca che conserva intatta la sua bellezza), sormontato da un colonnato dorico, con una cisterna al centro per la raccolta delle acque piovane.

La scarsa manutenzione e le infiltrazioni d’acqua, però, hanno  causato nel tempo un degrado generalizzato che ha completamente offuscato la bellezza  del luogo e tutti gli elementi di interesse storico, artistico e archeologico. In pratica gli agenti atmosferici hanno corroso tra l'¿altro  la grande tela che copre il soffitto della navata della chiesa che rappresenta la gloria del Martire san Vito. 

Si punta sull’interessamento del presidente della Regione, Vincenzo De Luca,  a realizzare il giardino della pace nei bellissimi terreni verdi del convento. L'Ente di  piazza Santa Lucia ha anche  finanziato  i lavori per il restauro della copertura della chiesa con la sostituzione, l’impermeabilizzazione e il ripristino strutturale del sistema a doppia falda di copertura. Il tutto con un finanziamento regionale di 150 mila euro che tuttavia non si e' rivelato sufficiente per il restauro del prestigioso monumento.

 A sostenere la crociata dei frati è il già consigliere comunale Michelangelo Esposito  Mocerino,  ambientalista e vicino alla comunità francescana . " E' un importante traguardo che tassello per tassello - afferma  Michelangelo Mocerino - restituirà' l'antico splendore  al convento. Padre Giuseppe con la sua educazione e fede smuove le montagne"  .

Si mira a dare l' opportunità ai pellegrini di ammirare lo splendido patrimonio storico e artistico.  Il convento di San Vito è come un mondo a parte,  dove una volta varcata la soglia della chiesa ci si trova improvvisamente immersi nella luce e la gioia del Signore che allevia pene e sofferenze .

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore