Marigliano, dopo i pini abbattuti anche i tigli. Fermate la mattanza del verde

Anita Capasso

--- FOTO ---

MARIGLIANO - Continua la strage degli alberi. Dopo i pini falcidiati a via Dante e quelli abbattuti a corso Umberto I,  è stata la volta dei rigogliosi tigli piantati circa 25 anni fa, lungo corso Umberto I.

Il motosega assassino e i suoi boia si sono messi all'opera di prima mattina annientando tutto il verde pubblico finito nel mirino dei tagli. Questa volta è toccato ai tigli venire giù  a colpi di tracotanza e indifferenza.

Nel mese della sensibilizzazione ambientale e dei venerdì dedicati alla tutela del paesaggio a Marigliano in controtendenza si elimina il verde. Il patrimonio collettivo viene brutalmente eliminato. Per via Dante dicono che i pini ostruivano i marciapiedi,  per corso Umberto I erano le radici affioranti a causare problemi.

Si devono fare i parcheggi a pettine e marciapiedi, cosa credete? Bisogna essere contenti eh… finalmente si fa qualcosa. Si abbattono come in un film dell' horror i pini. Il killer seriale va avanti. E i tigli che problemi davano? La gente è scandalizzata e parla di danno erariale.

 Ogni pino è stato valutato circa 5000 euro. Se si considera che  erano circa 15 esemplari , peraltro perfettamente sani , il  danno è già di 75 mila euro. Per i tigli si parla di cifre molto più alte, fino a 15 mila euro. Che  fine ha fatto il legname? Chi deve fermare questa mattanza? Si riservano spettacoli del genere agli scolari che da una parte vengono sensibilizzati a scuola al rispetto del verde e dall' altra vedono alberi venire giù lungo il percorso verso casa.

La città è devastata dallo smog e vittima del CO2 tra smania cementificatrice e sviluppo disordinato. Non si tutela il verde che è un purificatore ambientale. E i tigli? perché' non lasciarli a dimora? La città sprofonda tra  maxi buche, marciapiedi a degrado e si fanno opere pubbliche a macchia di leopardo annientando il verde: i pini su corso Umberto I abbattuti in questi giorni  avevano almeno 80 anni,  i tigli 25 anni.

A chi bisogna rivolgersi per salvaguardare il verde pubblico. Autorità preposte intervenite: fermate la mattanza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>


Galleria



Articoli correlati



Altro da questo autore