Comune di Pomigliano d'Arco: 560 persone attualmente positive Covid-19

Paolo Isa

POMOGLIANO D'ARCO - Gianluca del Mastro, Sindaco del Comune di Pomigliano d’Arco comunica: “Da domani entrano in vigore in tutta la Campania le misure straordinarie di contrasto alla diffusione del contagio che resteranno valide fino al 3 dicembre. Vi riassumo le norme principali.

Spostamenti:                       
In estrema sintesi, non dovremo uscire di casa salvo che per motivi di necessità, lavoro e salute, utilizzando in ogni caso un’autocertificazione.

Scuole                                              

L’Unità di crisi regionale ha da poco confermato che le attività in presenza dei servizi dell’infanzia e delle prime classi della scuola primaria riprenderanno dal 24 novembre - previa effettuazione di screening su base volontaria sul personale docente e non docente e sugli alunni - mentre per ordini e gradi scolastici diversi resta confermata la didattica a distanza.

Commercio e Ristorazione

Ristoranti, bar, pub, gelaterie e pasticcerie restano chiusi al pubblico: sarà comunque consentito il servizio di consegna a domicilio e - fino alle ore 22.00 - l’asporto. Restano chiusi centri estetici, sale slot, centri scommesse e bingo.


Cultura e Sport

È confermata la chiusura di biblioteche, musei, cinema e teatri così come palestre, piscine e centri sportivi. È consentito fare attività motoria all’aperto solo se è svolta individualmente e in prossimità della propria abitazione


Luoghi di culto


Restano aperte chiese e luoghi di culto, sempre nel rispetto dei protocolli di sicurezza e purché la struttura sia quella più vicina alla propria abitazione.
Vi comunico infine i dati sul contagio aggiornati ad oggi, 14 novembre. Il Centro Operativo Comunale ci segnala che sono 560 le persone attualmente positive in Città e 28 le persone guarite dall’ultima comunicazione.
Al di là dei dati che leggiamo negli ultimi aggiornamenti, è ormai chiara la necessità di fare un importante, ulteriore sforzo collettivo nelle due settimane che ci attendono. È necessario che assumiamo questo impegno soprattutto per chi, al disagio di un faticoso isolamento, aggiunge la necessità di cure specifiche da parte del sistema sanitario che sappiamo essere in estrema difficoltà”.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Paolo Isa >>




Articoli correlati



Altro da questo autore