Lavoratori Whirpool a Palazzo Chigi: consegnato il calendario 2021 Sulla Nostra Pelle

Paolo Isa

"Una nazione intera non può dipendere da giochi di palazzo"sottolinea la delegazione di operai Whirpool

Un gruppo di lavoratori della Whirlpool di Napoli, in rappresentanza del sito di via Argine dove il 31 ottobre scorso la multinazionale ha smesso la produzione di lavatrici, si è recato a Roma per consegnare il calendario 2021 "Sulla nostra pelle" al governo, a cominciare da Palazzo Chigi. "Abbiamo detto al presidente del Consiglio che in questo momento per la nazione è importante non avviare nessuna crisi di governo. Significherebbe lasciare appesi centinaia e centinaia di famiglie in vertenze come la nostra. Una nazione intera non può dipendere da giochi di palazzo".

Lo sottolinea la delegazione di operai Whirlpool - accompagnata dagli esponenti di Leu Pier Luigi Bersani e Arturo Scotto - uscendo da Palazzo Chigi dove ha consegnato il calendario "Sulla nostra pelle" al premier Giuseppe Conte. "Il presidente ha molto apprezzato l'iniziativa del calendario e ci siamo confrontati sulla vertenza. Volevamo sottolineare la forza e la dignità di 350 famiglie di Napoli. Siamo venuti qui con la speranza di riportare sotto i riflettori, nonostante la pandemia, la nostra vertenza", spiega la delegazione - composta da tre dipendenti - dello stabilimento partenopeo. 

L'iniziativa degli operai dello stabilimento campano nasce per sollecitare il governo ad "assumere rapidamente decisioni", per garantire un futuro al sito riprendendo la produzione e scongiurare l'avvio della procedura di licenziamento collettivo a partire dal prossimo primo aprile. Il calendario, realizzato dal Cral del sito napoletano, racconta attraverso le immagini la lotta delle lavoratrici e dei lavoratori contro la multinazionale che il 31 ottobre scorso ha chiuso la produzione di lavatrici a Napoli dopo venti mesi di resistenza e mobilitazione. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Paolo Isa >>




Articoli correlati



Altro da questo autore