Regalo di Handanovic e pareggio di Eriksen: Napoli-Inter termina 1-1

Giuseppe Lombardi

NAPOLI - Nel posticipo della trentunesima giornata di campionato il Napoli affronta l'Inter allo stadio Diego Armando Maradona. Azzurri in campo con il 4-2-3-1 con Politano, Zielinski e Insigne alle spalle di Osimhen. I nerazzurri rispondono con un 3-5-2 con il tandem offensivo composto da Lautaro Martinez e Lukaku. 

Nella prima frazione di gioco entrambe le compagini si studiano, senza sbilanciarsi più di tanto alla ricerca della rete. Al diciottesimo arriva la prima conclusione con Fabian Ruiz che ci prova dal limite ma il suo mancino viene bloccato agevolmente da Handanovic. Al ventitreesimo Eriksen mette una palla tesa in mezzo e De Vrij colpisce di testa ma senza inquadrare lo specchio. Due minuti più tardi ci prova Koulibaly con una bella torsione aerea che non va a buon fine. Al minuto 29 l'Inter colpisce una traversa con Lukaku che raccoglie un tiro di cross di Brozovic e sfiora il vantaggio. Al trentaseiesimo il Napoli si porta in vantaggio in modo rocambolesco: traversone di Insigne dalla destra, Handanovic si scontra con De Vrij e la palla termina in rete. Nel finale gli uomini di Conte prendono un altro legno con il solito Lukaku, poi Meret salva il risultato con un buon intervento in uscita su Barella. Si va così all'intervallo sul punteggio di 1-0. 

Nella ripresa l'Inter trova il pareggio al decimo minuto con un tiro dal limite di Eriksen che si infila direttamente all'angolino. Sulle ali dell'entusiasmo gli ospiti continuano ad attaccare, rendendosi pericolosi con un tiro di Lautaro che termina alto. Al sessantaquattresimo il Napoli non concretizza un buon calcio di punizione battuto da Politano sulla destra, con Koulibaly e Fabiàn che mancano l'impatto sulla palla a pochi passi dalla porta. Nel finale entra anche Mertens e il Napoli colpisce una traversa clamorosa con Politano, dopo una bella serpentina nell'area avversaria. Termina così il match: Napoli-Inter 1-1.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Lombardi >>




Articoli correlati



Altro da questo autore