Marigliano, è nulla la delibera per aiutare i commercianti sulla Tari: il Comune corre ai ripari

Redazione

MARIGLIANO -   Colpo di scena. Brutte notizie per i commercianti mariglianesi. Salta la riduzione della Tari per i negozi. Era il 30 settembre quando dall’associazione Aicast  e dal Comune venne annunciato con enfasi che la Tari per i commercianti sarebbe stata più leggera del dovuto.

 

 In data 29 settembre, infatti, il Consiglio comunale della città di Marigliano votò all'unanimità la ridistribuzione delle tariffe TARI, prevedendo un aumento che non investiva esclusivamente il mondo del commercio ma riguardava anche le utenze domestiche per un incremento che - nel peggiore dei casi - non sarebbe andato  oltre il 15%; rispetto al 250% previsto dalle tabelle iniziali.

Il provvedimento era stato fatto per venire incontro ai commercianti e ridurre la tassa a loro carico spalmando gli aumenti sui contribuenti. 

 In questi giorni arriva il colpo di scena, la deliberazione è avvenuta fuori tempo massimo: doveva essere fatta entro il 30 giugno,  pertanto il tutto culmina in un nulla di fatto. Si corre ai ripari. Come?

 Il 13  novembre scorso la Giunta comunale si è riunita per rimediare e per reperire i fondi al fine di alleviare la tassa ai  commercianti. Il sindaco è in attesa di sapere dalle persone preposte quanto sarà possibile destinare per alleggerire la Tari ai negozianti. I  soliti beni informati dicono  che per la cosa dovrebbe essere utilizzata una parte dei fondi del  recovery fund.

La prima rata, intanto,  si dovrà pagare entro il 16 dicembre 2021; la   seconda  rata entro il 16 gennaio 2022 e la   terza  rata di conguaglio  entro il 16 febbraio 2022.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Napoli Club Marigliano
test 300x250
In Evidenza
test 300x250