Brusciano, inaugurazione del Museo- Cripta Cristo Rivelato

Anita Capasso

BRUSCIANO - Un museo per la gigantesca opera del Cristo Rilevato. Brusciano apre le porte alla cultura. Si punta sul MUSEO-CRIPTA CRISTO RIVELATO per imboccare la strada del turismo religioso, al civico 386 di via Cucca. L'iniziativa sarà presentata sabato 4 dicembre 2021 ore 11,  presso l'aula consiliare. Saranno, infatti, illustrati  alla stampa i progetti e le iniziative legate all'inaugurazione ed all'apertura al pubblico del Museo- Cripta “Cristo Rivelato”, prevista per mercoledì 8 dicembre prossimo alle ore 10.30.  La nascita del  museo  è legata alla preziosa scultura di Domenico Sepe che sarà esposta all'interno.  Saranno altresì illustrate le vocazioni primarie del luogo di grande impattoculturale, artistico e sociale, “teso -  come ha dichiarato il direttore artistico Pietro Mingione- alla creazione di tanti momenti dedicati alla crescita umana, con presentazioni di libri, eventi legati al mondo della cultura, corsi d'Arte, esposizioni di collezioni e mostre di altri artisti. Con il patrocinio del Comune di Brusciano e il supporto dell'Associazione “Cristo Rivelato”, del Salotto Culturale “Domenico Sepe” e di Brusciano “Fronte Comune”, grazie all'attrazione centrale rappresentata dalla Cripta con il Cristo dello scultore Domenico Sepe, il Museo, porterà a Brusciano un nuovo momento di condivisione nel nome dell'arte e di una società migliore. Saranno presenti: il Sindaco di Brusciano Giacomo Romano, Ciro Ciccone dell'Associazione “Cristo Rivelato” e Nicola Braccolino dell'Associazione “Fronte Comune”. Interverranno, tra gli altri, oltre al maestro Domenico Sepe; Don Salvatore Purcaro; il direttore artistico del Museo Pietro Mingione; la museologa Daniela Marra, l'ideatore della Cripta Cristo Rivelato Nunzio Meo e la madrina dell'intero evento Tania Perrotta.

 

 

“Il Cristo Rivelato di Domenico Sepe - ha scritto la museologa Daniela Marra, autrice dell'apprezzato catalogo dedicato all'artista- rappresenta la completezza del ciclo dedicato alla figura di Cristo. Il valore simbolico che veicola è accuratamente compiuto: la metafora della narrazione della vita di Cristo nella sua interezza è evocata nell’atto della resurrezione, nel suo primo respiro di sofferenza. Cristo uomo abbandona ogni passione umana con la morte fisica, tuttavia lo stupore, il dolore, la paura mista a sgomento sono le suggestioni che suscita il Cristo Rivelato. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Fratelli Pentella
test 300x250
In Evidenza
test 300x250