Governo- Decreto legge Covid, intervento sui prezzi delle bollette

Paolo Isa

Dal primo febbraio non si potrà fare quasi più nulla, senza green pass. Il presidente Draghi ha firmato  il Dpcm con la lista delle esenzioni dalla nuova regola, che scatta appunto tra dieci giorni: certificazione verde base obbligatoria che si ottiene con vaccinazione, guarigione o tampone negativo in negozi, pubblici uffici, poste e banche. Tra gli esercizi commerciali ci sono alcune eccezioni, ma la lista è molto breve. Tutto questo va ad aggiungersi alle altre regole già decise, come l'allargamento del super green pass  solo per vaccinati e guariti – ad una lunga lista di attività dal 10 gennaio, o la certificazione verde base inserita dal 20 gennaio per parrucchieri, estetisti e barbieri. 

Dopo l'annuncio del governo, lo scorso 5 gennaio, dell'obbligo di green pass base (anche con tampone) nei negozi dal primo febbraio si è creata molta attesa sugli esercizi commerciali che avrebbero ricevuto la deroga. Ieri è arrivata la lista ufficiale con il Dpcm di Draghi, e prevede che non serva alcun tipo di certificazione per fare acquisti in negozi di:

Commercio al dettaglio in esercizi specializzati e non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati e altri esercizi non specializzati di alimenti vari), escluso in ogni caso il consumo sul posto.

Commercio al dettaglio di prodotti surgelati

Commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati.

Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati.

Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari.

Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie, parafarmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica)

Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati. 8. Commercio al dettaglio di materiale per ottica.

Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento.

Nei supermercati si potrà comprare qualsiasi cosa, e non solo generi alimentari come circolato in un primo momento. Restano fuori dalle esenzioni i tabaccai, per cui per comprare le sigarette servirà il green pass. Ma anche le edicole, mentre salta la deroga per ritirare a prescindere la pensione alle poste: si può entrare solo con certificazione verde. Per ricapitolare: dal 20 gennaio è scattato l'obbligo di green pass base per parrucchieri, estetisti e barbieri, dal primo febbraio è stato esteso a negozi, poste, banche e uffici pubblici, salvo le esenzioni appena elencate.

Dal 10 gennaio, invece, è entrato in vigore l'obbligo di super green pass, ottenibile solo con vaccinazione e guarigione dal Covid, per tutta una serie di attività: prendere i mezzi pubblici, sia locali come metro e bus che a lunga percorrenza come treni e aerei; gli impianti di risalita nei comprensori sciistici; bar e ristoranti all'aperto e al chiuso, sia al banco che al tavolo; alloggio in alberghi e altre strutture ricettive; palestre e piscine, spogliatoi e sport di squadra; cinema, teatri e concerti; musei e mostre; feste civili o religiose; stadi e palazzetti; sagre, fiere, convegni e congressi; centri benessere, centri termali, parchi divertimento, centri culturali, sale gioco e casinò.

La dote per i nuovi sostegni alle attività in crisi per il Covid dovrebbe essere di circa 1,6 miliardi. Le misure saranno nel nuovo decreto Sostegni e riguarderanno turismo, cultura, sport, tessile e moda, catering, eventi e wedding

Abbiamo stanziato in totale 390 milioni di euro, aumentato a 30 milioni il fondo per discoteche e sale da ballo. Un sostegno doveroso da parte del governo", ha detto il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti dopo il via libera del Cdm al decreto Sostegni ter con gli aiuti per le attività in crisi. “Dispiace che non sia stata accolta la nostra proposta di sostegno all'automotive per mancanza delle necessarie risorse. Ho chiesto che la misura sia approvata il prima possibile", ha aggiunto

La bozza prevede tasse sospese per sale da ballo, discoteche e locali assimilati chiusi per decreto fino a fine gennaio, aiuti a fondo perduto per attività di commercio al dettaglio che hanno subito una riduzione del fatturato nel 2021 non inferiore al 30% rispetto al 2019, rifinanziamento da 20 mln del fondo per i parchi tematici, acquari, parchi geologici e giardini zoologici. Per le discoteche vengono sospese le ritenute alla fonte e le trattenute dall'addizionale regionale e comunale e l'Iva: dovranno essere versati in unica soluzione entro il 16 settembre

"Il governo ha riconosciuto la fase di difficoltà attraversata dall'intera industria del turismo. È stato aumentato di 100 milioni il Fondo unico nazionale del turismo, in aggiunta ai 120 milioni stanziati con la legge di bilancio. Ed è stata accolta la nostra richiesta di dedicare una quota (40 milioni) alla decontribuzione per i lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali", ha detto il ministro del Turismo Massimo Garavaglia

"In più – ha aggiunto Garavaglia – è stato previsto un finanziamento di oltre 128 milioni come credito d'imposta da riconoscere agli operatori turistici per gli affitti di immobili. Si tratta di interventi che varranno dal 1 gennaio al 31 marzo prossimi. E sempre al 31 marzo viene prorogata la possibilità di ricorrere ai bonus terme” inutilizzati

Garavaglia ha anche spiegato che “gli imprenditori costretti dalla crisi a mettere in cassa integrazione ordinaria i propri lavoratori sono esonerati dal pagamento della contribuzione fino al 31 marzo prossimo. La misura riguarda, in particolare, le aziende dell'intero comparto turistico: alberghi, B&B, agenzie di viaggio e tour operator, ristorazione, parchi tematici, terme, attività ricreative, impianti di risalita e bus turistici. Infine, ai parchi tematici sono stati riservati 20 milioni"

Ricorso alla cig scontato, quindi, per hotel e agenzie di viaggio, ristoranti, bar, mense e catering, parchi divertimento, stabilimenti termali, discoteche, sale da ballo e sale giochi, ma anche per musei e radio taxi. I datori di lavoro che, da gennaio al 31 marzo 2022, sospendono o riducono l'attività ricorrendo agli ammortizzatori sociali sono esonerati dal pagamento della contribuzione addizionale. Ammonta al 9% della retribuzione per le richieste di cig fino a 52 settimane; 4% per chi utilizza il Fondo di integrazione salariale. Previsti 80,2 mln per il 2022

Nasce un fondo di 150 milioni per indennizzare eventuali danni legati ai vaccini: 50 milioni nel 2022 e 100 nel 2023

Fonti di governo hanno confermato che arrivano altri 400 milioni per le spese Covid delle Regioni, per far fronte alla quarta ondata e per la campagna di vaccinazione. L'intervento sarebbe stato fortemente sollecitato dal ministro della Salute Roberto Speranza

"Per ridurre gli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico", l' Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (Arera) "provvede ad annullare, per il primo trimestre 2022, con decorrenza dal 1 gennaio 2022, le aliquote relative agli oneri generali di sistema applicate alle utenze con potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW". Il taglio di questi oneri di sistema, si legge nel decreto, è "pari a 1.200 milioni di euro per l'anno 2022"

Da febbraio al 31 dicembre 2022 - secondo la bozza del dl sostegni - arriva un "meccanismo di compensazione" sul prezzo dell'energia prodotta da impianti a fonti rinnovabili, per alleggerire gli oneri di sistema sulle bollette. Il Gestore dei Servizi Energetici calcolerà la differenza tra i prezzi attuali e i prezzi medi dell'energia prodotta fino al 2020 dagli impianti solari, idroelettrici, geotermici ed eolici incentivati con vecchi sistemi. I produttori dovranno versare al Gse la differenza su questi profitti extra, oppure la incasseranno se fosse negativa

Arriva una nuova stretta contro le frodi sui bonus edilizi, compreso il Superbonus: la bozza del decreto arrivata sul tavolo del Consiglio dei ministri prevede che il credito di imposta sia cedibile una sola volta. Per i crediti già oggetto di cessione al 7 febbraio si potrà procedere con una sola ulteriore cessione. I contratti che violeranno le nuove norme sulle cessioni del credito saranno considerati nulli

Arrivano 45,22 milioni per fornire gratis le mascherine Ffp2 nelle scuole agli alunni, gli insegnanti e il personale scolastico in autosorveglianza. Fino a fine febbraio, le istituzioni scolastiche potranno acquisire le Fpp2 necessarie nelle farmacie o presso gli altri rivenditori autorizzati che abbiano aderito al protocollo d'intesa del 4 gennaio, che prevedeva un costo di 0,75 centesimi a mascherina

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera anche alle norme, inserite nel nuovo decreto Sostegni, che costituiscono la riforma del fascicolo sanitario elettronico e della governance della sanità digitale presso il ministero della Salute

 In foto il Presidente del Consiglio dei Ministri Draghi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Paolo Isa >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Fratelli Pentella
test 300x250
In Evidenza
test 300x250