Marigliano, Comunali: l'impegno di Capua Rosa per la città

Redazione

MARIGLIANO - Capua Rosa, candidata al consiglio comunale per la lista periferia 2030 con Vincenzo Esposito sindaco, ha rilasciato una breve intervista.

Professoressa ci può descrivere sinteticamente il suo percorso professionale?

Mi chiamo Capua Rosa , ho 58 anni sono coniugata e ho tre figli  e un nipotino. Insegno da trentasei anni, la mia carriera di insegnante ha avuto inizio a Viggiu’ in provincia di Varese. Sempre in  Lombardia sono stata immessa in ruolo in giovane età come vincitrice di concorso, senza dover ringraziare nessuno, se non me stessa,  per essere andata via da Marigliano a cercare lavoro.

Sono docente di scienze motorie, nel 1990 ho deciso riavvicinarmi alla famiglia per cui ho frequentato un Corso di Specializzazione Biennale (Statale) per specializzarmi nell’insegnamento del sostegno. Nel 1993, ho avuto il trasferimento in provincia di Napoli, ad Afragola al quartiere Salicelle. Mi sono subito rimboccata le maniche e ho dato il mio contributo, sia come docente di sostegno che di scienze motorie, attivando in orario pomeridiano svariati laboratori che potessero dare l’opportunità ai discenti di avere un punto di riferimento: “la scuola”.

Dal 1999/2000 sono titolare nella scuola Secondaria di Primo Grado Dante Alighieri di Marigliano. Tanti anni di insegnamento mi sono serviti per approfondire i tanti aspetti della didattica. Ho seguito corsi di formazione, ho partecipato a convegni prestigiosi, sono stata operatrice psicopedagogica, funzione obiettivo per la dispersione, il disagio e la continuità didattica, funzione strumentale di supporto agli allievi. Sempre molto attiva, amante del sociale e delle tradizioni. Circa 15 anni fa , con un gruppo di docenti, con il supporto della Dirigente Prof.ssa Carla Iovane e dell’Ente Comunale, attivammo un laboratorio di “ricerca storica e tradizioni locali”, lo chiamammo “Gruppo Folk o tiemp’ d’ o’ grano”. Attività  questa “ambita” da ragazzi e genitori. Attraverso recitazione, canti e balli popolari, riuscimmo a portare le “ nostre radici” a vari concorsi nazionali, riscuotendo sempre grande successo.

Sono stata impegnata in diverse attività socio-culturali con l’associazione culturale Luigi Toscano, molto attiva negli anni 90 e con associazioni del mio quartiere Casaferro e non solo.

Perché ha deciso di partecipare solo adesso ad una competizione elettorale?.

Premetto che provengo da una famiglia di sinistra dove tutti hanno sempre operato con massima trasparenza le loro scelte.  Mia mamma negli anni 70 fu candidata con il Partito Comunista al consiglio comunale; il dottore Emilio Spera fratello, della mia amatissima nonna, è stato sempre presente ed attivo nella vita politico-amministrativa; nonno Antonio “o comunist” deportato dai nazi-fascisti (fortunatamente riuscì a scappare) che ci ha sempre raccontato delle riunioni politiche “ngopp’o puzz”; Capua Azario, detto Zarino, è mio padre ed è conosciuto a Marigliano per il suo impegno politico e per la sua passione per il calcio mariglianese; mio marito, Antonio Vivenzio, è stato assessore dei DS con l’Amministrazione Corcione.

Sono cresciuta in una famiglia dove si è sempre “respirata” politica e che ogni elezione ci ha visti, per un motivo o per un altro, “esposti”. Ho scelto di candidarmi, dopo attenta riflessione (è una mia caratteristica riflettere prima di prendere una decisione) perché credo di avere  l’età giusta ed aver maturato le giuste esperienze per  scendere in “piazza” e dare il mio contributo alla città.

Perché con Periferia 2030?

La  lista “periferia 2030” fa parte della coalizione che sostiene Vincenzo Esposito. E’composta da persone “comuni” che hanno voglia di mettersi in gioco per supportare il nostro leader e intende  contribuire con idee ed impegno allo sviluppo delle “periferie”e quindi della nostra Marigliano.

La nostra città, con l’Amministrazione Carpino ha riacquistato la sua dignità: sono state riqualificate alcune aree , sono partiti i lavori per le piste ciclabili, ripristinanti spazi e aree destinate ai bambini e ai giovani, sono state realizzatele fogne nella frazione di Miuli, Faibano, ecc.

Sono pienamente convinta che il candidato Sindaco della nostra coalizione saprà proseguire, con impegno, dedizione e competenza, il percorso precedente, incrementando con nuove opere ed iniziative.

Conosciamo il programma della coalizione e anche le “idee” di periferia 2030 e sappiamo che ogni singolo candidato non può essere un conoscitore di tutti gli aspetti della pubblica amministrazione. Le chiediamo in quale settore ritiene di poter dare un contributo specifico qualora venisse eletta?

Ciò che mi sta particolarmente a cuore è la scuola, la disabilità, il futuro dei giovani e la rivalutazione storico culturale del territorio, anche con il coinvolgimento dei cittadini “piu’ adulti”, perché loro sono la nostra voce e le nostre radici. I giovani mariglianesi vivono un territorio senza idonei centri di aggregazione per cui bisogna impegnarsi per la loro realizzazione. Avverto la necessità  di promuovere e sostenere iniziative culturali che vedano coinvolti i ragazzi,  non a parole, ma nei fatti. Dobbiamo essere noi adulti ad indirizzarli guidarli, coinvolgerli, fornendo loro gli strumenti giusti per poter raggiungere un obiettivo.

In questi giorni, ho avuto il piacere di ascoltare diversi elettori, anche della mia frazione, che hanno chiesto cose fattibili, realizzabili, nulla di immaginario. Hanno chiesto una maggiore attenzione per gli anziani che DEVONO essere oggetto di iniziative culturali, ricreative e assistenziali. Tanti hanno espresso il desiderio di  poter collaborare ad iniziative che promuovano le frazioni. Hanno inoltre  chiesto piccole cose come: una maggiore pulizia delle strade, una maggiore educazione dei proprietari dei cani che spesso trasformano le strade periferiche in sversatoi, risolvere il problema degli allagamenti, ecc. Tutte cose possibili e necessarie. Ecco il mio impegno sarà rivolto principalmente a queste categorie di persone e alla soluzioni delle criticità del territorio.

I fatti e le polemiche di questo periodo cosa le fanno pensare?

Molti pensano che la politica sia una cosa “sporca”, io sostengo invece che è partecipazione, servizio, laboratorio di idee …  La politica è anche lealtà, linearità, Chi partecipa a queste elezioni, deve essere coerente con se stesso e chiedersi con onestà, se veramente ha intenzione di migliorare la nostra città o semplicemente appagare desideri reconditi.

E’ vero, queste amministrative sono “diverse”, ma è anche vero che ci sono nuovi volti, studenti, professionisti, impiegati, disoccupati che si sono messi in gioco per dare un contributo serio e libero.

Ci sono anche volti noti …

Marigliano è stata spesso prigioniera di politici che hanno fatto promesse mai mantenute. La nostra città era diventata anemica, malata, depressa … fortunatamente l’amministrazione Carpino ha individuato la giusta terapia ! Proseguiamo con continuità negli interventi e  diamo nuova linfa al territorio!

 I cittadini sapranno individuare i volti giusti…. IO CI CREDO

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore