Marigliano, Stazione Utopia: l'inganno continua.

Redazione

8 anni dopo, tra rabbia e ipocrisia, ritorna l'abbandono.

MARIGLIANO -  Ecco! Il tema è: "Che fine ha fatto StaZIONe UtOpiA?". Appunto! CHE FINE HA FATTO STAZIONE UTOPIA?

Un anno di gestione comunale e il risultato è sotto gli occhi di tutte e tutti: un cantiere polveroso, un palazzo sventrato, un luogo (di nuovo) abbandonato; ancora una volta, in questa assurda cittadina.

7 anni di gestione autonoma del collettivo utopiA, avevano riqualificato completamente l'area, anche nell'immaginario della gente; tutte e tutti si erano riappropriati di quel luogo: anziani svagati, venditori ambulanti, adolescenti innamorati, sognatrici e sognatori arrivati anche dall'estero ad avverare quel miracolo.

A StaZIONe UtOpiA. Proprio così.

Dove adesso c'è una gabbia di ferro, una volta c'era arte, musica, comunicazione, cinema, teatro. 

SENZA PADRONI

Lì, dove prima le persone si incontravano, si salutavano,  si sorridevano, ora solo calcinacci e avanzi di cantiere. 

VERGOGNATEVI!

7 anni di concerti, incontri, spettacoli; iniziative completamente autonome che avevano restituito vivibilità a quel luogo dopo 20 anni di abbandono e degrado, e che avevano gettato le basi per la costruzione di un centro per le arti e un laboratorio sociale aperto di cui i politici eletti non hanno la men che minima idea.

Una proposta del collettivo utopiA che ha incuriosito molti: attivisti, filosofi, contadini, politologi, intellettuali e artisti si sono scambiati sguardi increduli a StaZIONe UtOpiA.

Una proposta, anche scritta e protocollata più volte ma non contemplata dai regolamenti; gli stessi regolamenti che invece garantiscono ad altri soggetti di fare ottimi affari, spesso a danno della comunità ma perfettamente in regola (si guardi, per esempio, alle norme, pesantemente esclusive, per l'affidamento e la cura delle aree verdi e ci si guardi un po' intorno).

Ed è insopportabile che quel luogo, e chi lo ha ripreso e colorato, siano ancora oggetto di speculazione e propaganda. Inutili sopralluoghi, stupide dichiarazioni ai giornali e le solite varianti che non mancano mai, non cancellano ma anzi aggravano l'infamia perpretata in quel posto.

Sindaco, basta! E GIÙ LE MANI DA WM!

Quel murale non nasce per una caserma ma per un luogo di libertà e arte.

StaZIONe UtOpiA merita rispetto!

Un popolo imbelle soccombe sempre all'arroganza dei poteri sporchi ma, fate attenzione, quel gatto in gabbia diventa leone. E non tacerà. 

 

info: 

collettivoutopia@bruttocarattere.org

collettivoutopia.noblogs.org

 

       

collettivo utopiA 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore