L'Esercito Italiano all’Istituto Alberghiero San Giorgio

Mauro Romano

Quarto (NA) - Il 26 maggio 2015 l'Esercito Italiano, rappresentato dal generale di brigata Antonio Raffaele, vertice del Comando Forze di Difesa Interregionale Sud ha visitato l’Istituto Alberghiero San Giorgio per consegnare personalmente agli allievi e docenti gli attestati di partecipazione all’evento del 18 maggio "L’Esercito marciava”.

Con una sobria cerimonia è avvenuta la consegna degli attestati da parte del generale Raffaele alla presenza del Dirigente Scolastico Prof. ssa Carolina Amato, del personale docente e non docente. L’Istituto si presenta sul territorio come agente primario nella formazione e nell’educazione, intendendo svolgere un ruolo di mediazione tra le richieste poste da una società attuale sempre più complessa e globale.

Una società che voglia rinnovarsi e migliorare ha bisogno di una scuola capace di esercitare una funzione critica e impegnata a promuovere negli alunni l’assunzione di personale responsabilità. Si adoperano, quindi, per promuovere e sostenere processi innovativi atti a migliorare l’Offerta Formativa che risponda ai bisogni dell’utenza scolastica, a quelli delle famiglie e del territorio con attività di ricerca, autoanalisi e con momenti di formazione.

L’Istituto Professionale Alberghiero rappresenta una presenza significativa sul nostro territorio. La scuola risponde ad un’esigenza fortemente avvertita nel territorio: formare personale qualificato per il settore turistico - alberghiero che è alla base dell’economia locale e nello stesso tempo di quella regionale e nazionale.

La scuola ha sede in tre strutture , tutte sul territorio di Pianura : la Sede dell’Istituto Alberghiero dispone di, 5 laboratori di cucina , 3 di Sala, 2 di bar, 2 di ricevimento (front office) 2 di informatica.
La scuola ha tre indirizzi di qualifica professionale : cucina, sala e ricevimento; due indirizzi di diploma di post qualifica: turistico e della ristorazione.
 

C. S. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Mauro Romano >>




Articoli correlati



Altro da questo autore