Nola, Riforestazione - Labirinti da inondare, mostra di Pietro Mingione

Redazione

NOLA - La mostra inaugura una serie di esposizioni personali che l’Associazione Amira Aps vuole promuovere in questo 2022, attraverso una Rassegna d'arte con Call aperta.

Dopo un periodo di incertezza dovuto all'emergenza sanitaria, il presidente Raffaele Avella, supportato dal comitato scientifico dell'associazione e dallo storico Il Laboratorio le edizioni di Nola, sentono la necessità di aprire lo spazio espositivo (la galleria, il giardino e l'ipogeo) ad artisti e curatori per iniziare un dialogo in sinergia con la rinascita del tempo in cui stiamo vivendo.
“Il tempo non lo voglio più misurare, solo consumare... “ P. Mingione

 

Il mondo di Pietro Mingione è una selva di colori in cui addentrarsi. Una volta entrati è difficile capire come ne usciremo, sempre se ne usciremo.

Il percorso si snoda sul concetto di foresta contemporanea, intesa come proiezione di un mondo interiore che, come in natura, assume forme imprevedibili, paragonabili alla veduta aerea della macchia mediterranea. Questo tipo di vegetazione, sebbene spontanea, sembra destinata ad intrecciarsi immancabilmente con quella dell'uomo, che va ad agire  con le sue azioni spesso pesanti e deleterie sull'ambiente. La distanza qui però è ravvicinata, quasi immersiva. E la foresta non è quella che sembra.

Nella performance e nelle grandi tele esposte, infatti, si vogliono aprire degli squarci, che siano in grado di creare un contatto tra i mondi sommersi dell'Io dell'uomo contemporaneo. In questa alternanza di in & out, entrano in gioco i motivi labirintici di Schiavone, che vanno a contaminare, come dei circuiti, le grandi tele, espressione della capacità creativa della più grande selva che esiste, il nostro cervello. Alla fine cosa resta? Questa è la domanda su cui l'artista si interroga e da cui nasce Out of Control. In questa performance Mingione vuole rappresentare il getto della creatività che lo colpisce, come se non fosse lui l'artefice. In realtà, diventando egli stesso tela e quindi mezzo e strumento, porrà un dubbio cruciale, quello della paternità dell’opera, che come in un loop lo investe, inondandolo. La performance vuole stimolare un dibattito critico sulla natura dell'arte, diventata uno strumento di controllo dedita ad un sistema che la vuole soggetta ai propri interessi. Il processo di liberazione che attua il Mingione nelle sue opere è simile a quello “dei pazzi che non si integrano all’ordine” (Baudelaire) e che trova rifugio nel primordiale gesto istintivo, come necessaria e non più recondita manifestazione espressiva.

Per gli spazi esterni Mingione ha pensato a delle installazioni che si ispirano ai cavalli di Frisia. Si tratta di ostacoli difensivi costituiti da un telaio portatile, coperto con lunghi chiodi in ferro/legno e filo spinato. Il loro scopo era quello di fermare cariche di cavalleria, ma sono stati utilizzati anche durante la seconda guerra mondiale. Qui vengono rivisitati con materiali poveri che imitano quelli reali. L’intento è di provocare uno shock, di far scattare una mina, un avvertimento a stare in allerta, più che di vero pericolo.

In un mondo dove regna il pensiero "lo potevo fare anche io", chi è l'artista? Forse il messaggio della contemporaneità è proprio l'accessibilità all’arte, liberata da un sistema che la vuole relegata un'elite per pochi?

Siamo foreste che creano labirinti da inondare o siamo il punto di vista che guarda dall'alto, dalla dovuta distanza?

 

Stefania Trotta

 

 

13 Maggio 2022 | Opening 18:00

SPAZIO AMIRA Via San felice, 16 NOLA

Interventi decorativi di Alessandro Schiavone

Incursioni narranti di Gennaro Caliendo

Musica di Alberi Alti

Grafica di Carmine Ciccone

Foto di Tullio Fraiese

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



ASM G. Menichini
test 300x250
In Evidenza
test 300x250