Giovanni Maria Flick e Maurizio Flick- Persona ambiente profitto: quale futuro?

Paolo Isa

Come possono cultura, scienza, tecnica e politica ricreare le basi di una nuova alleanza dopo che le loro certezze sono venute meno? 

Bisogna affrontare il cambiamento con occhi e idee nuove. Bisogna guardare la luna, non 

il dito che la indica. 

“Il futuro non è più quello di una volta”, diceva Paul Valéry. E oggi più che mai, nel mondo dopo la pandemia, è diventato necessario ripensare al domani che ci aspetta. Ma in uno scenario che appare catastrofico e che impone di essere riconsiderato in tutto e per tutto, la prospettiva ambientale potrebbe essere l’unica risposta adeguata per fronteggiare le sfide che il presente ci pone. Siglare un nuovo Patto Atlantico delle democrazie aiuterebbe non solo a sconfiggere il virus, ma anche a ricostruire l’economia e proteggere il clima; sarebbe un tentativo per rendere concreta una solidarietà soltanto proclamata. 

 

Per seguire questa direzione bisogna però ripensare il rapporto tra mercato e ambiente, tra economia ed ecologia: l’una sopravvive solo se sopravvive anche l’altra. C’è bisogno di un’economia che rispetti l’uomo e il pianeta; che includa; che sia al servizio del bene comune; che non sia di ostacolo al cammino verso un mondo diverso. 

Dalla carbon tax alla regolamentazione ambientale tra Stato e Regioni, dalle nuove prospettive di inurbamento e migrazione alla tutela del paesaggio e della biodiversità, dalla rinascita delle comunità locali alla questione climatica: la nostra Carta costituzionale può indicarci la via da seguire, affinché il bilancio tra profitto e ambiente non risulti più squilibrato a esclusivo vantaggio del primo. 

 

Una riflessione lucida e appassionata sul futuro del nostro ecosistema. Un appello accorato per rinnovare il “patto dell’arcobaleno” con cui si concluse il primo diluvio universale di fronte alla minaccia incombente di una nuova catastrofe: ambientale, climatica, giuridica e sociale. 

  

Giovanni Maria Flick nasce nel 1940 a Ciriè (Torino). Sposato, con tre figlie e sei nipoti, vive a Roma. Dopo la laurea in Giurisprudenza, a 24 anni vince il concorso in magistratura qualificandosi primo a livello nazionale. Nel 1976 lascia la magistratura per la cattedra di Diritto penale – prima all’università di Perugia, poi alla LUISS di Roma – e intraprende anche la carriera di avvocato penalista. Le interrompe entrambe nel 1996 con la nomina a ministro della Giustizia nel governo Prodi I. Nel febbraio del 2000 viene nominato giudice della Corte costituzionale dal presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi. Cinque anni dopo assume la carica di vicepresidente e nel 2008 ne diventa presidente. 

  

Maurizio Flick nasce nel 1979 a Genova, dove vive, è sposato e ha una figlia. È avvocato, nonché presidente della Camera civile di Genova. Collabora dal 2005 con la cattedra di Diritto civile dell’Università della medesima città, dove insegna nella Scuola di specializzazione 

per le professioni legali. È componente del Comitato Scientifico della Fondazione Courmayeur. 

  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Paolo Isa >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Fratelli Pentella
test 300x250
In Evidenza
test 300x250