Il miracolo di San Gennaro: la sua storia e l’origine del fenomeno religioso

Rossella Sgambati

È avvenuto stamattina il miracolo di San Gennaro, annunciato ai fedeli dall'arcivescovo di Napoli cardinale Crescenzio Sepe verso le 10:05.

«Cari amici, con grande gioia e commozione vi annuncio che il sangue di San Gennaro si è sciolto». Così ha inaugurato il miracolo dello scioglimento del sangue nell’ampolla, che da anni è un punto di riferimento religioso e culturale di Napoli.

Ma vediamo da vicino qual è la storia del Santo.

San Gennaro fu vescovo nel periodo in cui Diocleziano regnava su Roma, disprezzando i cristiani. Un giorno San Gennaro si recò a Misero dove ebbe la sensazione che stesse per accadere qualcosa di orrendo al diacono Sassio. Aveva ragione. Dato che Sassio fu arrestato e San Gennaro, visitandolo insieme ad altre due persone, fu riconosciuto e imprigionato. Alla fine fu decapitato insieme ai suoi accompagnatori.

Una storia triste che mostra il volto del Santo nella sua veste devota al Cristianesimo: non rinunciò alla sua fede neanche di fronte alla morte.

Oggi l’atteso miracolo che avviene a maggio e a settembre, raccogliendo una fitta schiera di fedeli che, ascoltando le parole dell’arcivescovo, pregano e fanno suppliche al Santo.

Il 15 agosto 1389, per la Festa dell’Assunta, si verificò il primo miracolo. Oggi il seguito di una numerosa serie di fenomeni religiosi dovuti a San Gennaro, il cui corpo fu trasferito a Napoli per volere dell’arcivescovo Alessandro Carafa.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore