A Ottaviano la premiazione del premio letterario "Io Esito" della UILDM

Mauro Romano

Un premio che pone le sue basi sulla solidarietà verso i meno fortunati, nel motto “Io Esisto, e non farei rumore se tu mi ascoltassi”

Presso la splendida location dello storico palazzo Mediceo di  Ottaviano (Na), si è svolta la cerimonia di premiazione della X edizione del premio “Io Esisto”, curato da Francesco e Marilena Prisco, rappresentanti in loco della UILDM – Unione Italiana Lotta Distrofia Muscolare.

A presentare l’evento con la sua solita proverbiale autorevolezza, Ralph Stringile, che ha scandito i tempi della serata che ha raccolto premiati e ospiti nella sala Scuderia dell’imponente struttura. Declamatrice di tante poesie Clara Russo con Antonio Covino.

La giuria composta da Carmelo Cossa, Fausto Marseglia, Antonio Covino e Annastella Bertè, ha stilato la classifica di merito per ciascuna delle quattro sezioni previste.

Per la sezione A si è classificato al 1° posto Lenio Vallati con la poesia “Vecchi”. Sul podio anche Sante Serra con “L’ultimo Battito” e Gino Abbro con “Mamma”.

Per la sezione a tema “Disabilità” ha prevalso Gaetano Catalani con “U pacciu” davanti a Francesco Ruggiero con “Volo D’Amore” e Eugenio Landino con “Non posso andarmene”.

Per la sezione dedicata alla compianta MARIA RONZINO si è classificata prima Antonia Anna Pinna con “Maria” davanti a Giovanni Monopoli  “Il freddo nel cuore” e Maria Pina Abate con “La notte”.

Per la sezione D al primo posto troviano Francesco Visone con  “Al tuo posto” davanti a Federica Troise con “Innamorata Lontana”   e Vincenzo Di Filippo con “Vita”.

Nel corso della serata si sono esibiti gli artisti Ivonne Sari, Valentino Prati e Antonio Filippelli che hanno deliziato il numeroso pubblico con le loro apprezzatissime esibizioni sottolineate da scroscianti applausi.

Il presidente dell’associazione UILDM e del premio, Francesco Prisco, ha costantemente tenuto informati i presenti non solo sulle finalità benefiche e solidali del premio, ma anche sullo svolgimento di questa X edizione, fiore all’occhiello del gruppo che ha dato spazio ai numerosi giovani facenti parte dell’iniziativa, permettendo loro, di volta in volta, di consegnare i premi ai classificati. Dietro le quinte – ma non troppo! – l’impeccabile regia di Marilena Prisco che ha curato l’evento in ogni minimo particolare.

Insomma, una decima edizione che ha consacrato ancora di più un evento che pone le sue basi sulla solidarietà verso i meno fortunati, nel motto “Io Esisto, e non farei rumore se tu mi ascoltassi”, nell’intenzione di rimuovere le ancora tante assurde barriere, non solo fisiche, per le persone disabili. Anni di fervente attività testimoniano che con impegno e passione ci si può riuscire. Ad Ottaviano, passo dopo passo, il grido di speranza è riuscito a farsi sentire  lontano anche col viatico della Poesia. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Mauro Romano >>




Articoli correlati



Altro da questo autore