Insigne: non è successo nulla con Ancelotti, speriamo di vincere insieme

Giuseppe Lombardi

Il capitano del Napoli ha parlato ai microfoni di Rai 2

Lorenzo Insigne, capitano del Napoli, ha parlato ai microfoni di Rai Due: "Mancini mi ha sempre dimostrato fiducia, anche a giugno quando dopo l'infortunio avevo fatto solo una partite. In quell'occasione ho fatto due gol in due gare da titolare. Sono contento perché il ct ci trasmette grande serenità e in campo cerchiamo di ripagare la sua fiducia. Rapporto con Ancelotti? Sono soltanto chiacchiere, il mister mi ha sempre detto che sono importante, poi incomprensioni possono esserci ma nel calcio è così ovunque. A Napoli se faccio qualcosa io si ingrandisce tutto, allora cerco di stare sereno e di non pensarci molto. Io scherzo con Ancelotti e viceversa, ci sentiamo tramite messaggi, tra noi non è successo nulla in particolare. Qui in Nazionale chi lo conosce mi dice 'ma come fai a litigare con Carlo?' e io rispondo: non è che litigo, ci sono incomprensioni che vanno così, poi se sbaglio qualche partita ci sta qualche diverbio ma non è successo nulla, si va avanti e speriamo di vincere qualcosa insieme.

Critiche dei tifosi? Da un paio d'anni soffro questa cosa, spero da parte loro sia affetto. Fino ad ora non mi hanno capito. A volte, per il carattere, passo per presuntuoso, ma chi mi conosce sa che non sono così. Scherzo con tutti. Spero che i tifosi cambino opinione su di me. Ma so anche che c'è chi mi vuole bene e questo lo apprezzo. Voglio mi stiano vicino, fino a che indosserò questa maglia mi farò ammazzare, indossarla è sempre stata il mio sogno.
Sarri? Quando parlai di tradimento mi riferivo alla panchina dove oggi siede, nulla di umano. Ho sempre detto che il mister non essendo giovane ha avuto questa occasione e l'ha presa al volo. Con lui ho sempre avuto un ottimo rapporto, così come tutti i miei allenatori. Continuerò a volergli bene perché mi ha dato tanto, così come ai miei compagni."

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Lombardi >>




Articoli correlati



Altro da questo autore