La Mariglianese si fa male in casa, ribaltone del Nardò. 2-3

Antonio Credendino

Brutto risultato nella ripresa della gara dopo il 2-0 del primo tempo

MARIGLIANO - Dopo tre vittorie di fila, la Mariglianese cade in casa nella gara di ratifica del vantaggio di due reti a zero, fissato nel primo tempo nello scorso Marzo e sospesa per infortunio dell’arbitro.  Dal canto suo, il Nardò si presenta al “Santa Maria delle Grazie” per tentare il tutto per tutto di raddrizzare la gara. Ci riesce nel giro di 18 minuti a metà tempo. Prima accorciano al 70’ (25’), pareggiano al 80’ (35’) per poi consolidare il sorpasso al 88’ (43’). Eppure i biancazzurri partono bene. Al 51’ Aracri, imbeccato sotto misura, sciupa alto. Al 52’’ Marzano si propone per la profondità, ma la difesa ospite ruba tempo per la giocata e risolve la minaccia. Con i minuti il Nardò prende campo e gioco. Sul taccuino nulla di rilevante ma la pressione dei pugliesi si fa insistente.  Al 62’ Puntoriere si libera di Varchetta al limite, il sinistro di collo pieno è di poco alto. Al 70’ il Nardò accorcia le distanze. Giro palla per cercare l’imbucata, Puntoriere chiama e riceve sul secondo palo e di destro, sottomisura, trafigge Maione. 1-2. La reazione dei biancazzurri è su un calcio fermo dal limite, Petrarca blocca in due tempi. Al minuto 80 arriva il pareggio del Nardò. Azione orchestrata sulla sinistra, il cross basso al centro trova Puntoriere che batte a rete di piatto destro. 2-2. La Mariglianese è stordita, il Nardò è galvanizzato. Al 78’ reazione locale. Langella per Aracri in area in solitudine con Petrarca, fermato in lieve fuorigioco. Al 88’ si completa la rimonta per il Nardò. Ancora una propulsione dalla sinistra, ancora un cross basso davanti a Maione e Cristaldi spinge in rete sotto misura. 2-3. L’imponderabile, ma non tanto, è servito. La Mariglianese si fa male da sola e si complica la vita in ottica salvezza. Purtroppo nel calcio i risultati non dipendono sempre dal terreno di gioco. Mai come ora, il richiamo all’unità intorno alla squadra è doveroso. Nei successi i meriti vanno proporzionalmente ripartiti. Viceversa l’insuccesso distribuisce le responsabilità. Occorre fare tesoro di questa sconfitta e ripartire già da subito, mercoledì si va a Bitonto. Da Marigliano è tutto.

US Mariglianese: Maione, Micillo, Arrivoli, Palumbo (89’ Ragosta), Varchetta, Tommasini, Rimoli (79’ Massaro), Langella, Esposito, Aracri, Marzano (84’ Faiello). A disp. Cafariello, De Angelis, Pantano, Strazzullo, De Giorgi, , De Martino.  All. Luigi Sanchez

Nardò: Petrarca, De Giorgi, Romeo, Cancelli, Caputo (90’ Fiorentino), Masetti, Mariano (75’ Cristaldi), Mancarella, Caracciolo, Alfarano, Puntoriere. A disp.: Rollo, Cristaldi, Cavaliere, Trinchera, De Feo, Valzano, Dorini, Gallo. All.: De Candia

Arbitro: Monesi di Crotone

Assistenti: Scopelliti di Reggio Calabria e Cossovich di Varese

Reti: 22’ e 36’ Esposito, 70’ e 81’ Puntoriere, 88’ Cristaldi

Ammoniti: Langella, Aracri, Arrivoli

Nella foto di Marco Credendino: la foto di squadra

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Antonio Credendino >>




Articoli correlati



Altro da questo autore