San Paolo Bel Sito e Greco di Tufo : ecco il collegamento che non ti aspetti

Nicola Riccio

SAN PAOLO BEL SITO –Paralleli enogastronomici: San Paolo Belsito e il Greco di Tufo. Ecco un nuovo appuntamento, alla presenza del Sindaco Cafarelli e del Parroco  don Fernando Russo, svolto la settimana scorsa e tenuto ancora dal prof. Luigi Cerciello Renna, giurista e massimo esperto di sicurezza agricola e ambientale, nel corso del quale ebbe modo di sollevare la questione della poco nota estrazione territoriale del celeberrimo vino Greco di tufo, rimarcando che fu un sampaolese, Scipione Di Marzo, che nella metà del '600 scappando dalla peste trovó rifugio nell'avellinese ove portó con sè le marze di questo vitigno, precedentemente piantato nell'agro-nolano.

Dal giorno del convegno è scaturito un lungo e articolato dibattito che ha consentito nel tempo di rafforzare il senso di appartenenza alla storia in seno alla comunità sampaolese e di favorire rapporti di grande prossimità tra le Amministrazioni di San Paolo Bel Sito e Tufo.

 

Dal suo canto, Cerciello Renna ha offerto parecchi spunti di riflessione, rimarcando che la valorizzazione del patrimonio agroambientale puó davvero rivelarsi un volano di crescita del territorio. E più volte ha invitato i cittadini a sposare una mentalità che veda finalmente nella legalità e nel rispetto delle regole anche un potente attrattore di investimenti e uno straordinario motore di sviluppo economico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Nicola Riccio >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



l'Oceano Superstore300x600
test 300x250
In Evidenza
test 300x250