Marigliano, concerto all'Istituto Comprensivo don Milani Aliperti di Lausdomini

Anita Capasso

*** FOTO ***

MARIGLIANO - “Il pesciolino dal cuore caldo”: questo il nome della favola portata in scena la sera di martedì 31, presso l’auditorium dell’Istituto Comprensivo Don Milani Aliperti, in occasione dei festeggiamenti in onore del Santo Patrono di Lausdomini, San Marcellino.

Protagonisti assoluti l’orchestra composta  dai ragazzi del corso ad indirizzo musicale della Scuola Secondaria di I grado che hanno eseguito l’opera con assoluta maestria.

La favola è un’opera originale con musiche realizzate dalla docente di pianoforte Nicolina Dalia. Si tratta di un progetto nato qualche anno fa, proprio all’interno della scuola.  Il testo scritto da una classe di scuola media è stato musicato dalla docente, originariamente per lo strumentario Orff. Fu rappresentata al Teatro Diana di Napoli ed al conservatorio di Avellino. Quest’anno è stato pensato un riadattamento della favola per l’organico strumentale del corso ad indirizzo musicale, un’eccellenza del nostro territorio . Tale adattamento è scaturito da una collaborazione del Maestro Franco Piccinno con la musicista e docente Dalia. 

La storia racconta dele pesciolino “freddoloso” che non riesce a trovare calore e che viene allontanato da tutti a causa del gelo che provoca intorno a sé. Le sue avventure alla ricerca del “calore” sono accompagnate ma musiche avvolgenti e coinvolgenti che accompagnano lo spettatore nell’oceano in cui si muovono i protagonisti.

La favola rientra in quella musica descrittiva in cui si riproduce in musica le immagini e le sensazioni che il testo racconta. E’ un ‘esaltazione dell’amore e dell’amicizia e tocca le corde del cuore. In un momento storico in cui la solitudine sembra prevalere sul "calore" dei sentimenti, lascia un messaggio di speranza. L'oceano rappresenta la metafora del nostro mondo, fatto di diversità e di complessità, in cui tutti hanno bisogno di tutti ed anche il “pesce sole” ha bisogno dell'aiuto dell'essere apparentemente più debole.

Alla fine il pesciolino freddoloso diventa l’eroe della storia, e trova in se stesso le risorse per la sua salvezza. Ad aiutarlo sarà la sua stessa generosità, perché solo aiutando gli altri si riesce ad aiutare se stessi. Esecuzione eccellente: sul palco un'amalgama di strumenti e di voci che rappresenta appieno il senso di amore e di amicizia raccontato nella storia. In un'orchestra si è parte di un insieme indissolubile e nessuno può fare a meno dell'altro.

Grande maturità raggiunta da tutti i musicisti, ancor più incredibile se si pensa al periodo appena trascorso e al fatto che molte ore di lezione si sono ancora svolte in d.a.d..

Apice delle emozioni si raggiunge con il brano Gioia, che trascina il pubblico in un turbinio di entusiasmo e di gioia collettiva

“Se mettiamo amore nelle cose ….si compiono miracoli. L’amore,l’amicizia e la fraternità sono i pilastri su cui fondare la nostra esistenza….sono quelle cose che danno il sale alla nostra vita” racconta, visibilmente emozionata, la prof.ssa Dalia.

Sempre presenti anche tutti gli altri docenti delle altre materie del corso musicale che accompagnano sempre i “loro ragazzi” in tutte le esibizioni dimostrando un grande senso di unione e di partecipazione.

A fine serata i ragazzi della III C hanno voluto salutare il dirigente Luigi Amato che quest’anno saluterà la scuola per la meritata pensione. Lo definiscono un coach che, durante il difficile periodo della pandemia, non ha mai fatto mancare la sua presenza ed ha rappresentato un pilastro per i ragazzi e per le stesse famiglie, non facendo mai perdere il senso di comunità e traghettando la scuola verso grandi traguardi. Emozionato, il dirigente, non ha temuto di mostrare il suo lato "fragile" del preside, dimostrando ai ragazzi che bisogna sempre saper esprimere le proprie emozioni. “Questi ragazzi hanno grandi talenti” ha dichiarato “il ruolo nostro, insieme alle famiglie, è quello di aiutarli a scoprirli ed aiutare a coltivarli, sviluppando una sana competizione e smorzando ogni conflitto”.

Soddisfatti i 4 professori di strumento musicale, sempre instancabili: Sonia Tramonto, Violino; Nunzio Angelo Palladino, Chitarra; Nicolina Dalia, Pianoforte e Espedito Stompanato, Clarinetto.

Una serata meravigliosa per tutti: pubblico ed orchestra; scuola e famiglie; docenti e studenti. Uniti nel coltivare fiabe in musica!

Il concerto sarà replicato sabato 18 giugno in Piazza Municipio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>


Galleria



Articoli correlati



Altro da questo autore