Brusciano, balla il giglio della pace con l' unione di tutti i Comitati.

Anita Capasso

BRUSCIANO - Un giglio della pace che sarà cullato da tutti i comitati. Sarà un giglio dell' amicizia senza antagonismo quello che animerà l' ultima domenica dell' agosto bruscianese. Si riprende con grande senso di responsabilità e rispetto.  Il significato e' di quelli forti e accende la speranza di un mondo migliore senza odio e senza guerra. Omaggio anche al maestro Carosone che resta nei cuori di tutti i giglianti. Cuore, allegria, mente e passione:  Carosone incarnava tutto questo.

Il programma è ricco e variegato in un mix di tradizioni che accende i riflettori sul quartiere Cortaucci, il famoso vico Tre Santi che fa sussultare  il cuore e accende la  luce sul miracolo ottenuto   da zi Cecca De Falco per la guarigione del figlio morente. Già la festa nasce da questo evento.
Si aprono le danze con la  ballata del “Giglio per la Pace”.

L'amministrazione comunale, guidata dal  sindaco Giacomo Romano, presenta il calendario degli eventi per la settimana dedicata alla Festa dei Gigli, che quest'anno sarà rievocativa dello spirito dell'ultra centenaria tradizione.

“Dopo due anni di sospensione della Festa dei Gigli, anni caratterizzati da sofferenze, gravi perdite e sacrifici a causa della pandemia da Covid 19, la nostra amata Festa in onore di Sant'Antonio da Padova torna a farci emozionare – le parole del sindaco Giacomo Romano – Non è stata una decisione semplice e non è stata presa a cuor leggero.

Anzi. Ci è costata tanta fatica sotto tutti gli aspetti; emotivi, economici ed organizzativi. Ma la Festa mancava da troppo tempo e con lei mancava il fremito che la città vive attraverso il sentimento di fede e di appartenenza che i Gigli rappresentano per ogni bruscianese.

Sarebbe stato più semplice restare nella comfort zone dell'inerzia, ma questa amministrazione non ama sopravvivere. Ho preferito non fossilizzarmi sui problemi, ma tentare di risolverli e cogliere quelle che sono invece le opportunità per la mia comunità. Ho voluto dare alla città la speranza, restituirle se pur in maniera ridotta la gioia della Festa e offrire ai commerciati un po' di respiro dopo il lungo periodo di restrizioni che ha messo in ginocchio l'economia.

Ho avuto la fortuna di condividere questa scelta con il parroco Don Salvatore Purcaro e con gli storici comitati dei Gigli che per la prima volta uniranno forze e passione, per ballare il comunitario Giglio della Pace. Una condizione storica che mi rende al contempo grato e fiero”.  L'obelisco della Pace, sarà alzato alle 19 e partirà dal vecchio Municipio, in via Semmola, percorrendola al contrario fino a raggiungere, a mezzo passo e al suono delle tradizionali musiche, il Municipio nuovo.

Mercoledì 24, alle ore 19.30 Celebrazione della Santa Messa in piazza XI Settembre.
A seguire processione del Santo per le vie cittadine
mercoledì 24, ore 21.30 apertura della mostra fotografica “ La Festa dei Gigli di Brusciano, Fede e folklore”

Giovedi 25, ore 21.00 esibizione musicale degli alunni delle scuole del territorio con il maestro Mario Gervasio, in piazza XI Settembre
Esibizione scuole di ballo del territorio in piazza XI Settembre

venerdì 26, ore 21.00 Spettacolo musicale “ La vita di Carosone” Culture e tradizioni musicali a confronto

Sabato 27, ore 18.00 Sfilata della Fanfara. Parenza dal parco Sant'Antonio con arrivo in piazza Vittoria, dove i comitati si alterneranno sul palco per le esibizioni musicali. Il sindaco consegnerà ai capi-paranza, un fischietto d'oro.

Domenica 28, ore 11.30 Celebrazione della Santa Messa presso la chiesa madre di Santa Maria delle Grazie
Domenica 28, ore 18.00 celebrazione dei Vespri nella chiesa madre di Santa Maria delle Grazie. A seguire benedizione dell'obelisco della Pace, in via Semmola
Domenica 28, ore 19.00, Alzata Giglio e inizio della Ballata

Lunedì 29, ore 10.00 apertura laboratorio artistico per bambini “ Gigli: cartapesta e arte figurativa” presso il Museo Cripta Cristo Rivelato di Brusciano
Lunedì 29, ore 19.00 Celebrazione della Santa Messa (del lunedì della Festa) presso la chiesa madre di Santa Maria delle Grazie

Lunedì 29, ore 21.00 in piaza XI Settembre, Rappresentazione teatrale del Miracolo di Sant'Antonio “ Cortaucci. E fu subito Festa” con la partecipazione di Gianni Savarese.
Presente in piazza uno stand di Finger food “i sapori della tradizione” 

Martedì 30, ore 21.30 Chiusura della Festa con serata musicale in collaborazione con Aicast, in via Cucca, altezza casa Comunale.
--Non vi resta adesso che intervenire e gioire nella gioia della pace e del Signore.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore