Free Love: l’inno di Myky alla libertà di essere e amare è un caleidoscopico gioco di immagini e intenti.

Viviana Papilio

Tanti saluti ai mesi letargici che ancora soffiano alle nostre spalle. E’ il momento di alzarci e lasciarci andare a danze liberatorie. La colonna sonora c’è già, arriva con impeccabile tempismo, si chiama Free Love ed è l’ultimo singolo pubblicato dal cantautore Myky, apripista (insieme ai due brani che lo hanno preceduto) dell’album Gemini, di prossima uscita. A supportare il brano, brillante e magnetico, ci pensa il videoclip che spegne la candelina della prima settimana di vita festeggiando le oltre 13mila visualizzazioni.

“Il video, scritto e diretto da Elio Brusco e interpretato con maestria da Luigi Shika e dalla piccola Halima Luigia Jaiteh, prende i temi portanti della canzone e ne fa un poetico racconto per immagini, dove amore, colore, musica e libertà si rivelano le chiavi per ribaltare le prospettive. Basta la piccola magia di un sorriso, di una mano che stringe la tua e ti porta a ballare, e da una situazione iniziale di sconforto, isolamento e rifiuto, si passa a un’esplosione di pura gioia e libertà.”

Auspicio, speranza, realtà; Free Love è, al di là di ogni esegetica analisi, la possibilità e la necessità al tempo stesso di poter esprimere liberamente la propria interiorità, ognuno assecondando la sua natura.

Ogni singolo protagonista del video sprigiona un’energia liberatoria che si riversa nel copro unico pulsante e felice, affrancato da regole stereotipate, in grado di danzare spensierato sulla carcassa di una società talvolta poco incline alla felicità e incapace di godere.

Brano dopo brano, Myky ha dato vita a un percorso narrativo unitario che attraversa i tre singoli pubblicati a partire da giugno, nuclearizzando la componente testuale -semplificata, ridotta a versi brevi e di immediata memorizzazione- su sequenze musicali vivaci, colorate e articolate in perfetto stile anni ’80.

Abbiamo ascoltato, fino a consumarlo letteralmente, questo singolo e ci sentiamo di dire che Myky ha raggiunto le vette del suo impianto stilistico. Il cantautore partenopeo, originario di Cicciano, ha trovato nello stile anni ’80 le sue radici, riattualizzando un genere musicale celebre per i suoi contenuti leggeri ed evasivi. Di questa leggera evasione, Myky ha conservato l’architettura musicale -sempre ballabile, spensierata e a tinte accese-, ma ci ha innestato il suo personale modo di intendere il mondo e la società affermando la propria dottrina ideologica, la propria percezione della realtà.

Con questo colorato soundsystem, trionfante di vivacità, umani sentimenti, vita e libertà, Myky suggella il suo -per ora definitivo- passaggio dal “fare pop” all’  “essere pop”.

Un’ulteriore versione di Free Love, riarrangiamento acustico bossa mix curata dal producer Angelo Sika, è disponibile sugli store digitali al link

https://open.spotify.com/track/75lYH1NJVyaxN6gatNfp3A

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Viviana Papilio >>




Articoli correlati



Altro da questo autore