Come Da Vinci: il nuovo singolo di Titti

Paolo Isa

"Come Da Vinci" (Dischi dei Sognatori , distribuzione Artist First) è il nuovo singolo di  Titti, pseudonimo di Martina Conti, giovane cantautrice classe 1999.

Un brano elettropop minimalista, rivolto alla sua generazione, che Titti racconta così: "La canzone parla della superficialità della maggior parte dei rapporti d’oggi giorno, in cui le persone vengono giudicate dal paio di scarpe che indossano, ancor prima di essere guardate negli occhi. È difficile in questo clima trovare una persona che riesca veramente a capirti e a vederti dentro, ma nonostante tutto rimane un desiderio, quello di un lieto fine, e quindi perché non insistere? È la rappresentazione del desiderio di voler far funzionare qualcosa che non è destinato ad andar bene, forse anche a causa delle proprie insicurezze."

Scritta da Titti con Stefano Paviani e Ricky Quagliato (sound programming, drums, synths), che l’ha anche prodotta e arrangiata e registrata presso Quercus Studio, Bagnoli Bros Studio. Il mix e il mastering sono a cura di Daniele Bagnoli & Ricky Quagliato (Bagnoli Bros Studio).

 Fin da bambina coltiva la passione per il canto e il pianoforte, affiancata da numerosi insegnanti che la guidano nella ricerca del proprio mondo. Cerca la sua strada attraverso stage, clinic, concorsi e qualche provino, finché viene notata da un team di produzione con il quale inizia una proficua collaborazione. Viene seguita dai vocal coach Chiara Luppi e Stefano Paviani, con i quali studia con passione e dedizione creando passo dopo passo le basi della sua identità artistica.

Coltivando il suo timbro vocale sabbiato e delicato, il suo tratto più identificativo, Martina ha ogni giorno la conferma che la musica è parte essenziale della sua vita.

Dopo il diploma al Liceo Europeo Classico Martina decide di approfondire la musica anche dal punto di vista lavorativo, scegliendo la facoltà IULM di Milano (indirizzo di comunicazione, media e pubblicità).

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Paolo Isa >>




Articoli correlati



Altro da questo autore